home’s Cool: per imparare bene bisogna giocare per bene!

Fare in modo che i bambini/ragazzi studino è un’impresa epica degna di Ulisse ed Enea. Non è semplice per noi adulti convincere che lo studio sia la cosa più bella del mondo.
E’ come farli scegliere tra verdure bollite ed un gelato con la panna: il bambino sceglierà sempre e comunque il gioco.
Quando ero alle medie ed anche al liceo avevo un metodo semplicissimo per imparare nozioni noiose e difficili: giocare!
Prendevo il libro, studiavo una pagina e dopodiché la ripetevo ad alta voce calciando il pallone nella porta, o giravo in bici o lanciavo la palla nel canestro.
Era l’unico modo per me per scaricare le tensioni dovute allo studio (interrogazioni, imparare qualcosa che dovevo per forza imparare).

home’s Cool propone un metodo che rappresenta un’evoluzione di questa esperienza personale: imparare giocando, dalla A alla Z.
Vengono usati pochissimo i libri; ovviamente ci sono fonti da cui apprendere le nozioni, ma è il come vengono assimilate a fare la differenza: nessun esame, nessuna ansia da prestazione, nessuna competizione.
Una “classe” di home’s Cool si fonda sulla totale collaborazione e condivisione tra adulti e bambini. 

 

Annunci